Lettura: 76 minuti

9 modi per facilitare l'autonomia di tuo figlio in cucina

|

9 modi per facilitare l'autonomia del tuo bambino in cucina - Famiglia Monti

Sicuramente te ne sarai accorto, ma i bambini sono alla continua ricerca della propria autonomia! Vogliono fare le cose da soli... E questo, anche quando sono bambini. Questo è ciò che ha notato Maria Montessori.

Una delle sue citazioni più famose è “aiutami a farlo da solo”. Aveva osservato che i bambini cercano costantemente di fare le cose da soli e ha sviluppato tutta una pedagogia che permette loro di farlo quotidianamente.

Raccomandava anche di offrire loro questa autonomia in tutte le loro azioni e in ogni stanza della casa. Oggi vi invitiamo a scoprire 9 consigli che potrete applicare facilmente a casa per permettere a vostro figlio di acquisire autonomia in cucina. 
 

1.Autonomia fin dalla tenera età.

 

Quando ci prendiamo il tempo per osservare i bambini, ci rendiamo conto che cercano costantemente di fare le cose da soli. Vogliono fare a meno dell'aiuto degli adulti. Riuscendosi da soli, crescono!

 

Questo è il motivo per cui gli piace così tanto partecipare alla vita quotidiana e alle faccende domestiche. Maria Montessori ha spiegato che ai bambini piacciono quelli che noi adulti chiamiamo “lavoretti”. Queste piccole azioni quotidiane permettono loro di sviluppare le proprie capacità. Ha raggruppato queste attività quotidiane sotto il termine “vita pratica”. 


Il tuo ruolo di genitore è organizzare la tua casa e l'ambiente generale in cui vive tuo figlio per consentirgli di svolgere questi esperimenti. Partecipando a tutti questi piccoli compiti quotidiani, il vostro piccolo si sentirà riconosciuto come una persona importante in famiglia ma anche come un individuo a pieno titolo.

 

Ciò aumenterà la sua autostima e il suo senso di realizzazione. 
Questa disposizione può concretizzarsi in qualsiasi stanza della vostra casa... In particolare nella vostra cucina che è una fonte quasi inesauribile di esperimenti per i bambini di tutte le età!

 

2. Organizzare la cucina per facilitare l'indipendenza.

Suggerimento n. 1: lascia libero accesso ai prodotti che tuo figlio utilizza da solo. 

 

Quale modo migliore per iniziare che permettere a tuo figlio di raccogliere da solo tutti gli utensili e gli strumenti che sa usare? In questo modo non dovrà chiederti di usarlo.

 

In particolare potrete lasciare a disposizione piatti, posate, bicchieri, tovagliette, ecc... e lui potrà apparecchiare la tavola quando arriverà l'ora del pasto. Può fare tutto questo da solo. L'idea è permettergli di assumersi questa responsabilità dalla A alla Z senza che abbia mai bisogno del tuo aiuto. 

 

Suggerimento n. 2: rendi accessibile il tuo piano di lavoro.


Prenditi un momento per metterti nei panni di tuo figlio. Sei in cucina e stai tagliando i pomodori per l'insalata. Si lavano i pomodori poi li si scola e infine si tagliano prima di metterli nel piatto. Cosa vede tuo figlio mentre fai tutto questo?

Sicuramente vede le tue mani muoversi, un pomodoro che passa di tanto in tanto... Ma non può osservarti mentre fai ogni passo perché è troppo piccolo per vedere il contenuto del piano di lavoro... E può quindi ancor meno partecipare e imparare a farlo da solo! Quanto può essere frustrante per lui! 


Permettendogli di avere una visione del piano di lavoro e delle tue attività, gli permetterai di imparare dalle tue azioni. I bambini sono molto più sensibili alle istruzioni visive piuttosto che orali.

È quindi molto più facile per un bambino capire cosa significa lavare i pomodori se vi vede farlo, metterli sott'acqua, strofinargli la buccia... piuttosto che sentirvi dire come si fa.

Se è all'altezza del tuo piano di lavoro, potrà vederti procedere. 

Inoltre, potrà fare tutto questo da solo, sotto la tua supervisione, in completa autonomia.

Ciò gli consentirà di sviluppare un sacco di nuove abilità e rafforzerà anche la sua autostima. 


Pertanto vi consigliamo il nostro giro di osservazione. Permetterà al tuo bambino di accedere al piano di lavoro, di essere alla tua altezza, e questo, in tutta sicurezza!

Pratico, si sposta facilmente grazie alle sue due ruote. Potrai trovare diversi formati a seconda della composizione della tua famiglia e arricchirla con diverse opzioni in modo da diversificarne le potenzialità!   

 

Suggerimento n. 3: installa un punto d'acqua facilmente accessibile. 

 

Un altro consiglio per incoraggiare l'indipendenza di tuo figlio in cucina sarebbe quello di fornirgli l'accesso all'acqua. Per questo potreste magari proporgli una piccola postazione adatta a lui?

Su quest'ultimo potresti posizionare le sue tazze e anche una fontana?

Questa disposizione gli permetterà di bere non appena ne sentirà il bisogno sviluppando la sua motricità fine (premere il pulsante della fontanella, riempire il bicchiere, portarlo alla bocca, ecc.).

 

Naturalmente è probabile che venga versata dell'acqua. Quindi, fornisci spugne o asciugamani in modo che, ancora una volta, tuo figlio possa farlo da solo e asciugarsi da solo.  

 

Consiglio n°4 per favorire l'indipendenza del bambino in cucina: una postazione “lavapiatti” alla sua altezza.

Una volta finito il pasto, probabilmente tuo figlio ne avrà un po' ovunque intorno alla bocca, giusto?

E se preparassi un posto dove possa asciugarsi? Spesso tendiamo a farlo per loro. Ma alla fine, è del tutto possibile dare loro l’opportunità di farlo da soli.

 

Per fare questo, puoi allestire uno spazio nella tua cucina in cui preparerai: uno specchio alla tua altezza, guanti umidi e un piccolo cesto per la biancheria, ad esempio. Il tuo bambino potrà quindi lavarsi senza il tuo aiuto. 


 
3. Promuovi l'autonomia quotidiana di tuo figlio in cucina. 

Suggerimento n. 5: presenta a tuo figlio tutti gli utensili!

 

Non è raro, spesso a causa della nostra stessa educazione, impedire ai bambini di utilizzare determinati utensili.

 

Tuttavia, nella pedagogia Montessori, consigliamo di permettere loro di realizzare i loro esperimenti non appena i bambini ne hanno la capacità. Per fare questo, restiamo nelle vicinanze e mostriamo loro come farlo.

 

Naturalmente, non si tratta di dare un coltello a tuo figlio e lasciarlo provare da solo. L’idea è di familiarizzarlo gradualmente con questo strumento. Per questo esistono, ad esempio, coltelli a frangia, con estremità arrotondate.

 

Permettono poi ai bambini di tagliare in tutta sicurezza. Queste lame da taglio Montessori sono progettate per le mani piccole e le capacità motorie dei bambini che possono quindi usare tutta la loro forza per tagliare. Ci sono tanti esperimenti possibili quanti sono gli utensili possibili.

 

Se vostro figlio non ha ancora le capacità motorie sufficienti per tagliare da solo, forse potreste offrirgli di spremere gli agrumi o di mescolare il cibo in una ciotola?

 

L'obiettivo di questo consiglio è che in ogni fase, ad ogni età, puoi presentare a tuo figlio nuovi utensili e strumenti da cucina... Per soddisfare la sua sete di sperimentazione! 

 

Suggerimento n. 6: invita tuo figlio a partecipare alla preparazione del pasto.


Ti stai preparando per cucinare?

E se offrissi a tuo figlio di aiutarti?

Potrai quindi affidargli compiti che potrà svolgere in autonomia.

Ciò favorirà il suo sentimento di essere utile allo stesso modo di qualsiasi altro membro della famiglia! 

 

Suggerimento n. 7: ritualizzare l'apparecchiatura della tavola.

 

Questa è un'altra idea pratica che puoi realizzare facilmente con tuo figlio... anche se è piccolo!

 

Ricorda che ai bambini piace partecipare alle attività della vita quotidiana. Questi non sono “lavoretti” per loro. Anzi ! Si sentono come se stessero facendo qualcosa di importante.

 

Qualcosa che fanno solo i “grandi”. Quindi invitatelo ad apparecchiare la tavola, ad apparecchiare la tavola. Può quindi trasportare, uno per uno, i piatti e poi le posate. È un vero lavoro per lui.

 

Oltre a rafforzare la sua concentrazione, questo gli permetterà di acquisire fiducia in se stesso. Per un bambino, giocare a trasferire oggetti o apparecchiare la tavola sono due lavori! Non esiste alcuna gerarchia tra queste due attività! 

 

Consiglio n°8: in cucina, offrite autonomia durante i pasti.

Quando è ora di mangiare chiediti sempre se quello che stai per fare è utile o meno? Tuo figlio potrebbe farlo da solo? Ad esempio, se lascia cadere della pasta accanto al piatto, può raccoglierla da solo?

Quando gli servirai il piatto, sarebbe riuscito a servirsi da solo? Questi sono solo suggerimenti ma questo lavoro di riflessione quotidiana ti permetterà di offrire ancora più autonomia al tuo piccolo in cucina! 

 

Consiglio n.9: E dopo il pasto cosa può fare?

Il nostro ultimo consiglio relativo all'autonomia in cucina riguarda il momento post pasto. Cosa può fare tuo figlio al suo livello? È possibile che lui se ne vada? Mettere nella spazzatura? Lava i piatti? Scopri quali compiti potresti affidargli.

Perché ai suoi occhi è una vera prova della fiducia che hai in lui. Gli stai “affidando” qualcosa di importante.

Per acquisire autonomia in cucina, vi consigliamo la nostra stazione di lavaggio che potrebbe permettere al vostro bambino di lavarsi le mani e/o lavare le posate, ad esempio dopo un pasto.

Ci auguriamo che questi suggerimenti ti siano utili quotidianamente.

In definitiva, la cosa più importante sta nella visione di questa autonomia che avrai da adulto.

Non è sempre facile mettere in discussione ciò che abbiamo sempre visto, sentito o fatto. Ma fai un passo indietro e chiediti: “Potrebbe farlo da solo?” » può davvero fare la differenza nel quotidiano. A volte basta un pizzico di sale per favorire l'indipendenza di tuo figlio in cucina... E se hai altri consigli, non esitare a condividerli nei commenti!

Amare è condividere